News dal mondo ambientale

3 milioni posti di lavoro legati alla green economy in Italia

Tempo di lettura2 minuti

Sono quasi tre milioni i posti di lavoro in Italia legati alla green economy con un trend di forte crescita. E’ quanto ha affermato il Presidente della Coldiretti Ettore Prandini in occasione dell’incontro sulla politiche di sostenibilità delle produzioni promosso da Granarolo, in riferimento ai dati Istat sull’occupazione. L’agricoltura italiana – ha sottolineato Prandini – è tornata ad essere un settore strategico per la ripresa economica ed occupazionale come dimostra la leadership in Europa del numero di imprese agricole condotte da under 35 che sono risultate pari a 57.621.

Un esercito di giovani che ha puntato soprattutto sulla sostenibilità economica, sociale ed ambientale con attività che vanno dalla trasformazione aziendale dei prodotti alla vendita diretta, dalle fattorie didattiche all’agricoltura sociale per l’inserimento di disabili, detenuti e tossicodipendenti, fino all’agribenessere, alla cura del paesaggio o la produzione di energie rinnovabili. L’agricoltura italiana – spiega Coldiretti – è così diventata la più green d’Europa con 297 specialità Dop/Igp riconosciute a livello comunitario e 415 vini Doc/Docg, ma è anche leader in Europa con quasi 60mila aziende agricole biologiche e ha fatto la scelta di vietare le coltivazioni Ogm e la carne agli ormoni a tutela della biodiversità e della sicurezza alimentare.

Per questo – ha precisato Prandini – occorre dare la possibilità ai consumatori di fare scelte di acquisto consapevoli con l’estensione dell’obbligo di indicare l’origine in etichetta a tutti i prodotti dando concreta applicazione alle norme previste dal Decreto Semplificazione 2018. Di fronte all’atteggiamento incerto e contradditorio dell’Unione Europea che obbliga ad indicare l’etichetta per la carne fresca, ma non per quella trasformata in salumi, per la frutta fresca, ma non per i succhi, per il miele ma non per lo zucchero, l’Italia, che è leader europeo nella trasparenza e nella qualità, ha il dovere – ha concluso Prandini – di essere all’avanguardia nelle politiche alimentari comunitarie sulla trasparenza.(ANSA).